Davide Peron: Fin qui

0
555

Fin qui, il terzo album di Davide Peron, è un lavoro strettamente legato al Mi rifugio in tour, un progetto arrivato alla sua quinta edizione che il musicista ha sviluppato lungo il corso dell’estate scorsa portando la sua musica nei rifugi delle ‘sue’ montagne delle Prealpi vicentine, del massiccio del Grappa fino al Trentino.

Tutto ciò  in un’ottica di ripresa della musica legata alla propria terra e alla propria cultura. Con i suoi ritmi lenti e le sue visioni ampie, la natura può insegnarci molte cose se siamo attenti nel percepirle, così vuole suggerirci l’autore. Che ci riesce alla perfezione: Davide sussurra, narra e incanta. Sia con le sue parole sia musicalmente grazie alla collaborazione  con un bravo chitarrista acustico come Andrea “Manne” Ballarin (produttore del disco) che intreccia in maniera egregia le chitarre alla voce di Davide senza sovrapporsi.

Le sonorità sono eterogenee: dalle cornamuse celtiche a suoni delicati come ninne nanne nella culla di semplici arrangiamenti di voce e chitarra. La presenza di differenti strumenti e di validi artisti di diverse estrazioni dà al disco un tocco più musicale che semplicemente autoriale, riuscendo a sfatare la teoria che vuole la musica italiana cantata poco strumentale. Peron racconta dell’amore, di vita vissuta, di impegno, di scoperta di valori che vengono dati per scontati quando non dimenticati.

Nel complesso un ottimo disco di musica italiana per un cantautorato legato alle origini ma lontano dagli stereotipi dell’italianità. Speriamo che Davide Peron prosegua e non arrivi solo fin qui.

                                                                                                         Francesco Coniglio/foto di Simone Padovani 

Prossimi concerti di Davide Peron.

NO COMMENTS