Author Archive

NUOVI PRODOTTI JAD&FRÈER PER LE PEDALIERE

Written by Redazione Chitarre on . Posted in News, Strumenti

jolly_square

jolly_squareThe Jolly è un alimentatore stabilizzato per effetti a pedale, caratterizzato da un solido chassis in metallo con verniciatura antigraffio e studiato per poter essere montato in qualsiasi pedaliera, grazie alle dimensioni ridotte –anche agganciato a testa in giù sotto alle Pedaltrain – .
Patch-4 è un box pensato per semplificare il routing anche nelle pedaliere più complesse,  consentendo di tenere a portata di mano tutti i collegamenti indispensabili tra l’amplificatore, la pedalboard e lo strumento.

Lezioni zingare – La chitarra manouche su web con Daniele Gregolin

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Home-News, News

Gregolin-web

Gregolin-webÈ online la seconda puntata di LEZIONI ZINGARE, l’appuntamento del giovedì con le pillole gipsy swing di DANIELE GREGOLIN, dedicate a musicisti principianti ed esperti, che intendono imparare o migliorare le tecniche gipsy jazz. Il video di oggi, “Accompagnare con La Pompe – parte II”, visibile al link youtu.be/G__u8YwPmic, prosegue la spiegazione della tecnica introdotta la settimana scorsa con la variazione del suono sul secondo e sul quarto movimento, sulla base di tre tipologie di suono: ghost note, quasi ghost note e accordo.

AC/DC – Imola, Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari, 09/07/2015

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Artisti

AC-DC--Angus-Young-Imola-9---7---2015-----------Photo-ROBERTO-VILLANI-2

AC-DC--Foto-ROBERTO-VILLANI-20150709_230846Per una sorta di decreto legge non scritto, gli AC DC mai devono cambiare il loro modo di approcciare un concerto, sia che suonino all’interno di un padiglione della fiera di Grenoble nel 1981 per il tour di Back in Black, sia sul megapalco dell’autodromo di Imola nel 2015 davanti a novantaduemila spettatori impazziti di gioia: il rituale è sempre il medesimo.
L’attesa dell’evento musicale del 2015 è paragonabile a quella che si respirava esattamente un anno fa per il concerto degli Stones al Circo Massimo a Roma…

PICKUP CORRADINI PER CHITARRA ACUSTICA

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Strumenti

Corradini_home

Corradini-pup+preProdotto in Italia, a Castelfidardo, da SIlvano Corradini, questo tipo di pickup magnetico è stato progettato esclusivamente per chitarre acustiche, per amplificarne il suono senza alterare le caratteristiche originali e ottenere una notevole dinamica. Si tratta di un humbucker con magnete AlNiCo 5 costruito interamente a mano, completato dal preamplificatore schematizzato interamente in classe ‘A’ e studiato appositamente per le caratteristiche della chitarra acustica con la possibilità di scegliere la timbrica preferita agendo sulla manopola SC Filter.

PAOLO PALLANTE – Ufficialmente Pazzi (CD – It.pop/Goodfellas)

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Home-News, Recensioni

Pallante-2

CoverCDPallante è un intrigante cantautore dotato di  buon estro compositivo e di una predisposizione naturale alla teatralità che sfrutta per animare efficacemente le sue storie musicali. Il suo lavoro è un album molto raffinato contenente 12 composizioni originali cantate e suonate dall’autore con la massima disinvoltura, passando da delicati momenti intimistici a episodi rutilanti di colori degni di una grande festa di paese. Convincono immediatamente la qualità dei testi e l’interpretazione vocale, rischiando di mettere in secondo piano il gusto e il valore degli arrangiamenti, le doti strumentali di Pallante, che oltre a pianoforte e organo sfrutta con eleganza ogni tipo di chitarra, salvo lasciare il posto a Pino Forastiere nei pezzi in cui questi è gradito ospite.
Piccolo cameo anche per Alex Britti, che suona lap steel, basso e e batteria su “Tutto quel che resta (del perduto amor)”.
Notevole.

S.T.

HELLOWEEN: Video-intervista a Michael Weikath

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Artisti

06032013-_MG_0077

06032013-_MG_0077Il power metal teutonico deve gran parte della sua popolarità agli Helloween, band capostipite del genere e capace di diventare un vero e proprio punto di riferimento nella scena grazie alla vocalità di Michael Kiske ed al sound imponente del gruppo, fra ritmiche serrate e melodie d’effetto.  Nonostante momenti più o meno felici e diversi cambi di lineup, la band tedesca continua a produrre nuovo materiale ed abbiamo avuto modo di scoprire qualcosa in più riguardo all’ultimo nato My God Given Right durante la nostra chiacchierata milanese con Michael Weikath nel filmato che segue… (Intervista di Lorenzo Gandolfi)

 

Rock Rhythm Guitar (prima parte) – di Giacomo Anselmi

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Lezioni

Iniziamo in questa occasione a parlare di ritmica, e cioè di ciò che costituisce il “grosso “ del lavoro che facciamo e che faremo sul nostro strumento. Molti linguaggi nella chitarra rock sono essenzialmente strutturati ormai sul suono e sul ritmo, soprattutto per ciò che riguarda il mondo del rock contemporaneo. Facciamoci allora raccontare in questo video di Giacomo Anselmi come si può impostare a questo proposito la mano destra, la quale nella maggior parte dei casi userà il plettro: solo in alcuni casi specifici si useranno le dita, ad esempio per arpeggiare, oppure per avere più dinamica sulle corde, o ancora per ‘strappare’ le corde per scaldare la nostra parte…

Questo video di Giacomo Anselmi è collegato all’articolo pubblicato sul numero 347 di Chitarre Magazine (luglio/agosto 2015).

 

 

 

 

Power Chord’s Riff – di Antonio Affrunti

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Lezioni

Chi di voi non li conosce? Chi non ne ha sentito mai parlare? Alzi la mano chi non ne ha abusato almeno un migliaio di volte.

Ma per i lettori più distratti, quelli più lontani da un certo tipo di rock o pop, ecco un compendio tanto utile quanto prezioso messo a disposizione da Antonio Affrunti, che spiega questo tipo di accordi, dei quali possiamo sottolineare alcune caratteristiche principali: sono in genere associati a un suono che può variare da un leggero crunch a un distorto più cattivo, vengono spesso diteggiati nel range melodico più basso dello strumento proprio per sfruttarne le frequenze che ne aiutano l’efficacia in termini di sostegno e suono; e l’intervallo di quinta che li compone, inoltre, non crea, tramite armoniche indesiderate, dissonanze che sarebbero ovviamente enfatizzate dal suono distorto.

Questo video di Antonio Affrunti  è collegato all’articolo pubblicato sul numero 347 di Chitarre Magazine (luglio/agosto 2015).

 

 

Bottleneck & Slide: il muting – di Marco Manusso

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Lezioni

Dagli ampi (e ventosi) studi del Saint Louis & di Chitarre, Marco Manusso ci continua a raccontare imperterrito i misteri (e le delizie) del bottleneck e dello slide. Questa volta ci spiega che per avere un buon controllo sulle corde “bisognerebbe” usare la tecnica del fingerpicking, ovvero suonare con le dita, perché risulta più facile tenere a bada risonanze non desiderate o corde che suonano quando non dovrebbero.

Questo video di Marco Manusso è collegato all’articolo pubblicato sul numero 347 di Chitarre Magazine (luglio/agosto 2015).

 

 

Assistenza Informatica Roma Assistenza Computer Roma Realizzazione Siti Web Roma