Doctor Rhythm: anticipare la sincope

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Lezioni

Qui Steve Angarthal, ben trovati a tutti.

In questa occasione affronteremo alcuni aspetti del ritmo che aiutano la varietà espressiva di una performance o, più in generale, nella scrittura di un brano: la sincope, l’accentazione in levare e l‘anticipazione ritmica.

Fondamentalmente cercheremo di prendere consapevolezza delle zone ritmiche meno spontanee per poterne disporre in un secondo momento come colore della nostra tavolozza sonora…

Techniques: Guthrie Govan contro Brian Beller

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Lezioni

Guthrie Govan, il mostro della sei corde, è tornato su Chitarre.

Compositore, produttore, chitarrista,endorser, turnista, didatta e chi più ne ha più ne metta. In questa lezione il talento

inglese ci dimostra il riff principale di “Culture Clash”, title track del secondo album degli Aristocrats.

Separate i due emisferi cerebrali, e preparatevi alle delizie e ai tormenti della poliritmia. Il tre contro il quattro, Guthrie contro Brian.

Buon divertimento da Dario Vero…

Metal Bag: scale per terze con sviluppo verticale

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Lezioni

in questi ultimi mesi il nostro Raffaello Indri è stato impegnato con la realizzazione e promozione dell’album degli Elvenking, The Pagan Manifesto, e con il nuovo Frankenstein Rooster, The Nerdvrotic Sounds’ Escape.

Numerosi sono gli assolo presenti in entrambi i dischi e in questa occasione Raffaello ha voluto suggerirvi qualche idea di visualizzazione alternativa delle scale che vi potrà offrire importanti spunti creativi per inventare lick inusuali…

Five things: Slash – di Simone Gianlorenzi

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Artisti, Lezioni

Se c’è un guitar hero dell’epoca post-Van Halen che è riuscito prima a emergere, poi a reinventarsi e rimanere all’apice delle classifiche discografiche e di gradimento dei chitarristi, di sicuro porta il nome di Saul Hudson, in arte Slash.

Simone Gianlorenzi, che lo ha amato e studiato a fondo, ce ne spiega in questo video i suoi cinque-punti-cinque fondamentali…

Techniques: la sei corde monocorde di Dario Vero

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Lezioni

DarioI lettori di Chitarre possono continuare a giocare anche quando l’estate è finita. Parola di Dario Vero, chitarrista, strumentista, didatta, compositore, turnista. E antica conoscenza di Chitarre e dei suoi lettori, che in questo numero hanno sicuramente già letto la sua intervista, ma soprattutto si cimenteranno con un gioco a premi tutto giocato su una base tratta dal suo disco, Lucid Dream.

E non finisce qui. Dario in questa sua rubrica sostiene e caldeggia le meraviglie di un’orizzontalità tutta chitarristica, insostenibile leggerezza del tessere melodie; ci convince così a tentare la sorte con il gioco a premi di questo numero della rivista, suonando melodie su un’unica corda, o quasi. In questo spazio potreste trovare le giuste ‘dritte’ per affrontare al meglio il compito, perchè la base su cui dovrete lavorare viene qui analizzata a fondo da chi l’ha scritta e ve l’ha proposta. Grazie, Dario, e buon lavoro a tutti.

Doctor Rhythm di Steve Angarthal

Written by Redazione Chitarre on . Posted in Lezioni

Steve Angarthal, fondatore della metal band Fire Trails, ha aperto concerti di personaggetti come Deep Purple, R.J.Dio, Iron Maiden, Glenn Hughes, Joe Lynn Turner. E scusate se è poco…

Questa sua nuova rubrica si apre qui, e comincerà col trattare un argomento spesso sottovalutato, che però, se acquisito e coltivato, può rappresentare un fattore di notevole effetto per la buona riuscita di una performance, sia che si tratti di registrazione che live. Ladies and Gentlemen… il Signor Ritmo!

Jimmy Page – di Simone Gianlorenzi

Written by Simone Gianlorenzi on . Posted in Lezioni

In occasione della cover story  di questo mese sui Led Zeppelin, Simone Gianlorenzi ha deciso di trascrivere alcuni esempi tratti da brani meno inflazionati o già ampiamente discussi e analizzati sulle pagine di Chitarre. Ha deciso inoltre di “trascurare” l’imponente parte acustica di Page a favore di quella elettrica, che sicuramente è quella più rappresentativa del personaggio…

Non ci resta che augurarvi davvero buon divertimento!